Blog

Dal nostro blog

BIBLIOTECA COMUNALE “GIUSEPPE CECI”

Nel centro storico di Andria, in piazza Sant’Agostino, sorge la Biblioteca Comunale “Giuseppe Ceci”. La biblioteca è una delle più antiche e longeve istituzioni culturali della città. Scopriamo la sua storia.

Istituzione della Biblioteca Comunale

La Biblioteca Comunale “Giuseppe Ceci” è stata istituita il 29 settembre 1880 con deliberazione n.85 del Consiglio Comunale. L’intitolazione al prof. Giuseppe Ceci, illustre studioso andriese, risale al 1941. Nell’aprile del 1934, in seguito a testamento, il prof. Ceci donò alla biblioteca cittadina numerosi volumi, ancora oggi conservati. Dal 1970 la sede della biblioteca è stata trasferita dal Palazzo Comunale in via Napoli, 9. Bisognerà attendere il 21 dicembre del 2012 per il trasferimento definitivo della biblioteca comunale nella sede odierna in piazza Sant’Agostino.

La Biblioteca Comunale “Giuseppe Ceci” oggi

La biblioteca occupa gran parte degli ambienti dell’ex convento degli Agostiniani. Si estende su due piani ai tre lati est, sud ed ovest dell’antico chiostro, circondando uno spazio centrale a cielo aperto. I locali d’ingresso della biblioteca costituivano la (probabile) foresteria del convento, poi divenuti magazzino dall’antica beccheria della piazza e nel Novecento l’ingresso della Pretura prima, di una scuola poi. Al piano terra spicca la Sala Studio “Farinelli”. Questo ambiente in passato era illuminato da due bifore gotiche aperte nel cortile d’oriente. Oggi tali finestre sono murate e impreziosiscono la sala. Accedendo al piano superiore è possibile ammirare la Sala Conferenze, posta sul lato sud dell’ex convento, e la sala di consultazione dei volumi antichi e delle pergamene, realizzata sul lato est adiacente la parete sud della Chiesa.

Oggi la biblioteca può fregiarsi di un patrimonio librario composto da circa 42.000 volumi, 242 dei quali antichi, di 3000 CD/DVD e di 16 cinquecentine. Con tre sale lettura, una biblioteca per ragazzi, una sala multimediale, una sala riunioni, una sala conferenze, il fondo antico con le cinquecentine, 28 postazioni internet, tre punti reference e  un open space reading la biblioteca comunale è un centro culturale moderno, luogo di incontri, di scambi e di eventi, luogo dove ognuno può riscoprire la propria città (e forse anche se stesso) sfogliando le pagine di un libro.