Blog

Dal nostro blog

RIONE FORNACI

DOMUS re Consulenti Immobiliari

Il centro storico di Andria è ricco di quartieri che trasudano storia e tradizioni artigiane, oggi del tutto perse. Il rione Fornaci è uno degli esempi migliori. Il quartiere è uno dei più antichi della città, subito fuori le antiche mura di nord-ovest, con la piccola chiesa di San Lorenzo e le antiche fornaci per la produzione di ceramica e terracotta.

Storia del rione Fornaci e delle sue ceramiche

Collocato tra il pendio (oggi “San Lorenzo”) che declivia da via Fornaci fino al sottostante canale d’acque piovane, canale Camaggio, il rione Fornaci era un agglomerato di abitazioni, laboratori di vasellami ricavati principalmente da grotte e fornaci di cottura. Fino agli anni Sessanta del XX secolo il quartiere era popolato da artigiani vasai esperti nella lavorazione della argilla. Tutte le fornaci erano provviste di un pozzo, indispensabile per la lavorazione dei manufatti. La produzione di ceramiche nella nostra città è attestata in documenti molto antichi, alcuni risalenti alla metà del Cinquecento.

La chiesa di San Lorenzo

Uno degli elementi architettonici più caratteristici del quartiere Fornaci è la piccola chiesa di San Lorenzo. La chiesetta fu intitolata a San Lorenzo in quanto considerato protettore di chi opera col fuoco: dai pompieri, ai cuochi sino ai vetrai. Il quartiere in cui sorge, per l’appunto, era un centro di produzione di ceramiche.

La chiesetta di San Lorenzo così come la vediamo oggi è una ricostruzione risalente alla fine dell’Ottocento. Gli ultimi lavori di restauro risalgono a metà del Novecento. Presenta un portale principale con timpano e due ingressi laterali più piccoli. Sul prospetto, decentrato, s’innalza campanile in stile neoclassico. La navata è illuminata da quattro finestroni, due per lato. Quello sul portale presenta all’interno una statua di San Lorenzo con la graticola.

Oggi la chiesa verte in uno stato di totale abbandono. La comunità cittadina auspica da tempo che le istituzioni facciano qualcosa per recuperare questo piccolo, ma importante pezzo di storia della città di Andria.