Blog

Dal nostro blog

SANTA MARIA DEI MIRACOLI

DOMUS re

Santa Maria dei Miracoli è, assieme a San Riccardo, patrona della città di Andria e della Diocesi. Fu papa Pio IX il 14 agosto 1858 a dichiarare patrona della città colei che è conosciuta dai fedeli come la “Madonna dei Miracoli” o “Madonna d’Andria”.

Origine del culto di Santa Maria dei Miracoli

Il culto di Santa Maria dei Miracoli è legato ad un evento miracoloso avvenuto sabato 10 marzo 1576. In quella data venne rinvenuta dal mastro carraio Giannantonio Tucchio, accompagnato dal suo avvocato Annibale Palombino e da Giulio da Toritto nella laura basiliana di Santa Margherita in Lama un’immagine sacra. L’immagine, di epoca bizantina, raffigurava una Madonna con il Bambino. Questa era incoronata da 12 stelle e con il sole (simbolo di Cristo) sulla sua destra e da una luna (simbolo della Vergine) sulla sinistra.

Il ritrovamento non fu casuale, in quanto il Tucchio riferì ai suoi compagni che la Madonna gli apparve in sogno. Questa lo invitava a recarsi presso Santa Margherita per accendere una lampada ad olio e di alimentarla ogni sabato. Giunti sul luogo, i tre ritrovarono la preziosa immagine e posizionarono la lampada.

Nell’ultimo sabato di maggio il Tucchio dimenticò di recarsi presso la grotta per tenere accesa la lampada. Recatosi lì il sabato seguente, ecco la miracolosa scoperta: la lampada era ancora accesa senza che l’olio si fosse esaurito. La notizia si diffuse rapidamente in città e molti fedeli accorsero presso la laura basiliana. L’allora Vescovo, mons. Luca Fieschi, venuto a conoscenza dell’evento, decise di celebrare una messa di ringraziamento. A partire dal 6 giugno del 1576 la Vergine fu invocata come Santa Maria dei Miracoli di Andria.

I miracoli attribuiti alla Vergine

Il secondo grande evento miracoloso legato alla Madonna dei Miracoli risale al 1855. In quell’anno Andria uscì indenne sia da un’epidemia di colera che colpì la Puglia, sia dalla distruzione dei vigneti dovuta ad una malattia parassitaria. Per rendere omaggio alla protettrice della città, furono poste sul capo della Madonna e del Bambino due corone d’oro. Il 3 maggio 1857 venne inoltre posta sul seno della Vergine una rosa d’oro donata da Ferdinando II, re di Napoli e devoto alla Vergine.

Sempre nel 1857, stando a quando ritenuto dal vescovo Longobardi, la Madonna salvò la città da un terremoto. Da quel momento, vista la devozione della città di Andria nei confronti della Santa, la Madonna dei Miracoli fu dichiarata compatrona della città con San Riccardo.